Per i Dolphins Ancona un weekend ricco di emozioni

Dolphins Leonardo Lombardi presidenteUna squadra vive di passioni e di emozioni. Il weekend in arrivo promette di essere ricco di emozioni per i Dolphins Ancona, la squadra di football americano del capoluogo marchigiano. Come prima nota, l’appuntamento storico di domenica a Grosseto, dove per la prima volta nella storia ultra-trentennale della franchigia dorica la formazione Under 16 scenderà in campo in una partita ufficiale, con il bowl che prevede 2 partite nella stessa giornata. “E’ un evento storico per noi – spiega il presidente Leonardo Lombardi (nella foto)- mai avevamo schierato una squadra così giovane. Avremo in campo con casco e armatura ragazzi nati nel 1999 e nel 2000, frutto del lavoro di reclutamento fatto negli ultimi due anni presso le scuole e tramite le Dolphins Experience. Per tanti anni abbiamo lavorato solo sul settore giovanile U21 prima e U19 poi, ma così facendo il salto dalla giovanile con pochi anni sulle spalle alla senior in serie A era troppo alto. Invece cominciando a formare giocatori da piccoli, in futuro avremo 19enni che si presentano in prima squadra con molti anni di football sulle spalle, e la transizione sarà più lineare. La cosa bella è che tra questi 12 ragazzi della U16, due di loro (Andrea Gambelli e Tommaso Bugatti, ndr) sono figli di ex giocatori fondatori dei Dolphins degli anni ’80. Vedere la seconda generazione in campo ci riempie d’orgoglio e ci fa ben sperare per il futuro“.
Detto dell’U16, la sorella maggiore U19 scenderà domenica alle 15 in campo a Torrette ospitando i Crabs Pescara, allenati da coach Aldo Stanzani, già campione d’Europa negli anni ’80 con la maglia azzurra. “Non sarà una partita semplice – spiega l’allenatore della difesa Stefano PaolucciInfatti i Crabs hanno vinto nettamente contro i Titans Romagna in trasferta per 32 a 0, dimostrando una grande crescita negli automatismi e negli schemi, oltre ad aver preso confidenza con il campo anche grazie alle due amichevoli che abbiamo giocato contro a luglio e a settembre. Noi veniamo da una settimana difficile, con una prestazione molto opaca contro gli Angels Pesaro che ci hanno battuto duramente. Sarà fondamentale reagire subito senza demoralizzarci, ritrovando lo spirito giusto e la voglia di fare bene. Dovremo arginare la loro punta di diamante Mattia DI Silverio che lo scorso anno era in squadra con noi e che viene schierato sia in attacco sia in difesa e allo stesso tempo “innescare” tutte le frecce al nostro arco, colpendoli sia sulle corse sia sui lanci, finora poco produttivi per come siamo abituati“.

Per finire, la gioia di vedere 4 atleti in casacca verde-arancio convocati per il raduno della nazionale maggiore che si terrà il prossimo 8 e 9 novembre a Bologna. Si tratta del primo raduno guidato dal nuovo capo allenatore del Blue Team Davide Giuliano, parte iniziale di un fitto programma di avvicinamento ai prossimi Campionati Europei, che prevede raduni collegiali, partite amichevoli e camp primaverili ed estivi. Giuliano ha convocato il ricevitore Michele Marchini – unico dei 4 già in campo con la maglia azzurra durante gli ultimi Europei del 2013 – oltre il defensive back Carlo Fanini e la coppia di linebacker Lorenzo Pignataro e Mattia Dal Monte. Qualche numero aiuta a rendere l’idea del potenziale e delle capacità dei 4 delfini in azzurro. Michele Marchini, n° 88 dorico, nel 2013 è risultato il miglior ricevitore del campionato, con 60 ricezioni per 796 yards di guadagno mentre nel 2014 ha collezionato “solo” 43 ricezioni per 569 yards, avendo dovuto saltare diverse partite per infortunio. Carlo Fanini, n° 22 verdearancio, oltre ad essere fresco vincitore della medaglia di bronzo con la nazionale italiana ai Mondiali di flag football (la versione senza casco e spalliera), nel 2014 è stato votato miglior defensive back di tutto il campionato, avendo collezionato 2 intercetti e ben 18 tra palle deflettate e passaggi avversari rotti, a cui vanno aggiunte anche le 275 yards guadagnate tra ritorni di calcio e ricezioni in attacco, quando chiamato al doppio ruolo. Venendo a Mattia Del Monte, middle linebacker n° 42 della difesa anconetana, gli ultimi due anni sono stati un crescendo di prestazioni sempre più solide: 36 placcaggi di cui 5 con perdita di yards per l’attacco avversario e 1 fumble ricoperto nel 2013, che sono diventati nell’ultimo campionato 53 placcaggi di cui 6 con perdita di yards e 1 fumble ricoperto, a cui vanno aggiunti anche 1 sack ai danni del quarterback avversario e 4 tra palle deflettate e passaggi avversari rotti. Lorenzo Pignataro, outside linebacker n° 55, ha sommato nel 2013 33 placcaggi di cui 6 con perdita di yards per gli avversari, 3 sack ai danni del quarterback avversario e 1 fumble ricoperto. L’ultimo campionato ha visto un’esplosione iniziale di “Pigna” che lo aveva portato a dominare le statistiche a livello nazionale con 31 placcaggi di cui 8 con perdita di yards e 4 sack in sole 5 partite, salvo poi essere bruscamente interrotta da un infortunio al ginocchio che lo ha tenuto lontano dal campo per tutto il resto della stagione. A loro quattro vanno le congratulazioni e l’incoraggiamento di tutta la dirigenza e lo staff dei Dolphins, per un futuro ricco di soddisfazioni in maglia azzurra.

Sergio Moretti, ufficio stampa Dolphins

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, IFL, News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...