Domani a Bologna riunione IFL

All’Ordine del Giorno presidenza e modulo del campionato.

Si terrà domani a Bologna, con inizio alle ore 11, la riunione delle squadre aderenti a IFL, la prima divisione del football italiano. Due interessanti argomenti all’ordine del giorno: il primo sono le dimissioni di Marco Mutti da Presidente di Lega, dimissioni presentate qualche tempo fa e che dovranno esser ratificate domani. Altro argomento da seguire sarà la formula del campionato, con varie ipotesi sul piatto.

muttiQuali sono i motivi che hanno spinto Mutti a rinunciare alla carica? “Visto i cambiamenti di equilibri è corretto dare le dimissioni e rimettere a disposizione dei team la decisione di chi sarà il presidente 2015“, dice il numero uno dei Seamen. La guida di IFL dovrà esser affidata a un presidente di una squadra partecipante alla Prima Divisione, e domani sarà eletto il successore di Mutti. In lizza tutti i presidenti (meno Mutti, ovviamente, a meno che l’assemblea non rigetti le sue dimissioni) con Lombardi (Dolphins), Narciso (Rhinos) e Garofalo (Briganti) in pole position per il ruolo di “Numero Uno”. Gli obiettivi dovranno esser quelli strategici, vale a dire comunicazione e visibilità sia a mezzo stampa che tv, senza dimenticare un occhio all’organizzazione del Superbowl.

Altro argomento interessante è la formula del campionato. Diverse le opzioni sul tavolo, quella più probabile è la divisione in due gironi territoriali con playoff tra le prime tre di ogni raggruppamento.  Nel girone Nord entrerebbero, da ovest verso est, Giaguari, Rhinos, Seamen, Panthers, Lions e Giants. Nel Sud, da nord a sud, Aquile, Warriors, Dolphins, Grizzlies, Marines e Briganti. In questo caso i gironi risulterebbero un tantino squilibrati, con un girone Nord che avrebbe cinque tra le prime sei della stagione 2014 e il Sud con le due partecipanti ai Play Out e, a parte i Dolphins, team che hanno terminato la scorsa stagione con un record negativo. Tenendo presente che Dolphins e Rhinos terminarono a pari punti divisi solo dalla “differenza reti”, favorevole ai dorici.
Per mantenere due gironi distinti, per poter mischiare ulterioremente le carte in funzione playoff, una soluzione potrebbe esser la divisione dei team in due gironi, magari a sorteggio, e partite di sola andata tra tutte le squadre. Il sorteggio garantirebbe l’omogeneità dei gironi mentre le sfide tra tutte le squadre ne garantirebbero l’equilibrio di forze. Certo, un girone unico con gare di sola andata costa più di uno “andata e ritorno” territoriale, ma la classifica (e spettacolo…) ne gioverebbe, così come la fase playoff, che non rischierebbe di disputarsi tra squadre di livello tanto diverso.
Questo tenendo conto delle potenzialità del campionato 2014. Certo che se le forze in campo cambiano, beh, anche il ragionamento salta di conseguenza. Ovvio.

Ultima considerazione: se un team decide di prender parte al campionato di Massima Serie, si presume abbia una struttura, sia a livello di organigramma e staff sia, conseguentemente, a livello di organico e sponsorizzazioni, all’altezza. Se l’obiettivo delle squadre sarà quello di giocare in IFL e di risparmiare, riducendo (per esempio) i costi delle trasferte, sarebbe come voler partecipare a un Gran Premio di Formula Uno con un’utilitaria, che costa e consuma meno di una monoposto, certo, ma arriverebbe a completare, chessò, una decina di giri?

american football news – foto Luca Nava

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, IFL, News e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...