Ai Grizzlies basta un tempo per aver ragione dei Crusaders

Gri-Cru 2I Grizzlies si impongono sui Crusaders Cagliari per 22-0 al termine di una prova decisamente opaca, nel corso della quale solo la caparbietà del reparto difensivo romano evitava di subire le iniziative dei grintosi isolani; al reparto offensivo dei capitolini, apparso inconsistente per i primi due quarti, è bastato giocare con un minimo di convinzione negli ultimi due quarti per aggiudicarsi l’intera posta, anche grazie alla migliore organizzazione di gioco ed alla maggiore esperienza dei propri giocatori. D’altronde la partita contro gli isolani era sicuramente un buon banco di prova per collaudare nuovi schemi ed inserire nuovi atleti in vista delle prossime partite.

La partita iniziava, come di consueto, con la difesa blu arancio in campo a fermare il running game degli avversari; fallita una improbabile finta di punt, su un quarto e 13, l’offense dei padroni di casa entrava per la prima volta in campo sulle 38 avversarie e conquistava terreno grazie alle ricezioni di Tenaglia e Cunningham, che nell’occasione era però costretto ad abbandonare il campo per un infortunio al piede, ma veniva poi fermata dalla difesa avversaria che concedeva solo un tentativo di field goal non andato a buon fine. Un buon drive dei Crusaders, ancora impostato sulle corse di Pili, Fadda e Marceddu, regalava loro un primo down, ma subito dopo l’inversione di campo i placcaggi di Cardarelli ed Arcioni riportavano indietro gli isolani che, dopo un incompleto di Porcedda per Marceddu, erano costretti al punt. Stessa sorte seguiva, dall’altra parte, l’offense capitolina. Rientrata sulle proprie 19, l’offense cagliaritana veniva dapprima arretrata da Quaglietta, che placcava Fadda 6 yards dietro la linea di scrimmage, quindi, nella trasmissione della palla fra il QB ed il ricevitore Marceddu, per un tentativo di endaround, provocava un fumble che faceva rotolare l’ovale in end zone dove veniva ricoperto dallo stesso Marceddu per la safety che portava lo score sul 2-0 per i padroni di casa. Nella restante parte del secondo quarto erano i Crusaders a rendersi più minacciosi, arrivando sino alla linea delle 11 dei padroni di casa, ma era ancora Quaglietta a ricacciare indietro gli avversari placcando Pili, su un quarto tentativo, con una perdita di 8 yards. Nonostante vi fosse ancora il tempo per muovere ulteriormente il punteggio, entrambi i reparti offensivi apparivano imprecisi e, non riuscendo ad impensierire le rispettive difese, portavano le squadre negli spogliatoi a punteggio invariato.

Al rientro in campo si assisteva finalmente ad un evidente cambio nella strategia offensiva dei capitolini, che apparivano subito più concreti, grazie alle corse di Sciarra, e minacciosi grazie ad una bella ricezione di Toraldo che arrivava sulle 21 avversarie; erano poi le corse di Crocco a bucare ripetutamente la difesa avversaria, ma era poi Arca a farla capitolare con un’ultima rush di 5 yards che portava lo score sull’8-0. I Grizzlies si ripetevano immediatamente: dopo aver riconquistato palla grazie ad un fumble dell’offense cagliaritana, ricoperto dall’orso Talarico sulle 9 avversarie, andavano a segno con Dina che riceveva in end zone il lancio di Richard portando lo score sul 14-0. L’inerzia dell’incontro portava ancora i romani alla segnatura, subito dopo l’ultima inversione di campo, ancora grazie alla difesa di casa ed ancora grazie a Dina, impiegato spesso in doppio ruolo, che frapponendosi fra QB e runningback avversari, in un tentativo di option, dapprima schiacciava l’ovale a terra quindi, grazie ad un rimbalzo particolarmente fortunato, raccoglieva palla per poi andare ad oltrepassare la goal line; finalmente a segno sull’extra point, grazie ad una corsa di Sciarra, i Grizzlies portavano così il punteggio sul 22-0. Un intero quarto non bastava, poi, a muovere ulteriormente lo score: da una parte i Crusaders dimostravano grande tenacia, ma accusavano un inevitabile calo fisico a causa dei numerosi giocatori in doppio ruolo, dall’altra i Grizzlies tornavano nel limbo in cui erano caduti nei primi due quarti e, nonostante una buona occasione a sole 9 yards dalla goal line degli ospiti a 1’15” dal termine dell’incontro, non riuscivano a finalizzare arrivando al triplice fischio senza ulteriori segnature.

Rispetto al derby con i Marines della settimana precedente, con numerosi tifosi sulle tribune ad incitare e sostenere i giocatori in campo e gli stessi atleti, oltre ai loro coach, indubbiamente più concentrati, vuoi per lo spettacolo di una tribuna praticamente deserta, causa il blocco totale della circolazione imposto dall’amministrazione comunale, vuoi per le minori motivazioni dei giocatori di casa, domenica si è assistito ad una partita poco piacevole, almeno dalla sideline dei padroni di casa; viceversa, sulla sideline sideline opposta, non ci si può sicuramente lamentare della prestazione dei giocatori apparsi molto migliorati, rispetto all’inizio del campionato: agli stessi non si può certo rimproverare di non avercela messa tutta e di aver mostrato grande grinta e caparbietà, sicuramente una buona base di partenza per il futuro della storica e prestigiosa franchigia di Cagliari.

Ai Grizzlies ora spetta un turno di riposo prima di affrontare la Legio XIII nell’ultimo incontro di regular season; nonostante la buona prova dei cugini contro i Marines domenica scorsa, in un incontro sospeso per il maltempo a 2 minuti dalla fine del terzo quarto sul risultato di 12-6 per i laziali, incontro che verrà completato domenica prossima, difficilmente i legionari dovrebbero essere in grado di minacciare il secondo posto del girone dei ragazzi di coach Giannelli, ma nel football le sorprese sono sempre dietro l’angolo e gli orsetti dovranno ritrovare la giusta concentrazione per non commettere passi falsi che potrebbero compromettere l’intero campionato. L’appuntamento è, quindi, domenica 30 novembre presso il C.S. Casal Bertone in Via Scartazzini 19, zona Acilia, kickoff ore 14,00.

ufficio stampa grizzlies

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...