Terminata Legio-Marines

Era stata interrotta per maltempo al termine del terzo quarto

laziomarines
Ieri alle 14:30 Legio XIII e Lazio Marines sono scesi in campo per terminare la frazione di ncontro (parte del terzo quarto e l’intero 4°) che non era stato possibile disputare la scorsa settimana causa maltempo.
La partita si presentava ricca di significati oltre che in bilico nel punteggio vista l’interruzione su un interlocutorio 6-12 per la formazione ospite biancoceleste: I padroni di casa avevano una ghiotta occasione per tentare con una sola meta di superare la capolista del girone e rimettere in discussione l’ intera corsa playoff; i giovani Marines d’altro canto scendevano in campo dopo una settimana piena di “riflessioni” e di strigliate da parte dei Coaches per una prestazione sottotono disputata nella prima frazione dell’ incontro.
Tante parole, rifelssioni e allenamenti sono terminate al fischio d’inizio, laddove tutto davvero conta, la legge del campo, dei valori, dell’ intensità. I Lazio Marines sono ripartiti dalle 15 in territorio avversario, palla e primo down.
Punto e basta. Come accade quando un cavallo di razza viene strigliato, la partenza della formazione di coach Cappellacci è stata folgorante.
Una inaspettata e possente qb sneak ha subito fruttato 5 yards e orientato la difesa Legio verso una successiva e conservativa azione su corsa che avrebbe portato i marines non solo alla conquista del down ma ai limiti della td line; la brillante chiamata del 2° down di coach Scoppetta è invece un passaggio eseguito di tocco nel traffico della end zone Legio per un td successivamente trasformato da due con corsa centrale del nostro fb Alex Di Santo. Kick off e palla alla Legio mentre la fine del 3° quarto segnava uno score di 6-20.

La prima metà del 4° quarto mostra la ferocia della poderosa difesa Marines che non ha concesso all’ offense Legio nemmeno un three -and –out grazie ad un intercetto; l’attacco biancoceleste tornato in campo ha monetizzato subito al primo tentativo con un secondo td pass di pregevole fattura portando il risultato sul 6-28 grazie ad una ulteriore trasformazione da due.
Mentre il 4° quarto si consumava velocemente la Legio tornata in campo deve soggiacere ancora una volta dopo poche giocate alla determinazione e alla forza di una Difesa scatenata che pressando il qb determinava un fumble e lo ricopriva. Al rientro in campo, con la plausibile prospettiva di rendere davvero largo il punteggio finale, l’attacco Marines sembra frenare e consegna al punter un drive fatto di corse improduttive.
Il drive finale della LegioXIII è stato molto interessante oltre che ben condotto. La squadra Blu arancio come nell’ incontro della settimana precedente inanella un paio di pregevoli play action e una bootleg del suo veloce qb. Chiude il down e risale per la prima volta nella metà di campo Marines. La sensazione è che la Difesa Marines vada alla ricerca di un altro big play e si auto-orienti verso una pass rush che il Qb di casa ha saputo usare per sondare delle secondarie sguarnite. Una corsa ubriacante del Rb della LegioXIII ha condotto la palla sulla 1 yard dal td zone Marines.
Grande la reattività e la forza dei ragazzi bianco celesti che respingono con perdita il tentativo di sfondamento centrale della formazione di casa. Il disperato e determinato tentativo offensivo Legio viene però premiato con un td pass lobbato su un wr assolutamente libero in area di meta. La partita termina, dopo un fallito onside kick Legio, nei primi giochi del drive Marines. Il tabellone di questa interminabile sfida recita un 28-14 che premia la determinazione della Legio e sancisce nettamente la superiorità del team bianco celeste.

La partita lascia sul campo, come i fazzoletti degli arbitri durante il gioco, alcune considerazioni: I Lazio Marines con il 5-0 conseguito stasera sono non solo matematicamente i primi nel girone, ma rimangono nella ristretta elite (Seamen, Warriors, Angels, Panthers) delle squadre imbattute che possono ambire a abbinamenti play off più agevoli. La legio XIII con il suo record 2-3 e un qualità di gioco che merita attenzione, potrà disputare tra le mura amiche il derby finale con i cugini Grizzlies con l’ obiettivo anche solo morale di appaiarli sul 3-3.  In ultimo ma non per ultimo l’evidenza ribadita più volte in campo ed oggi comprovata che i Lazio Marines U19 sono una formazione di ENORME talento e grandissime potenzialità, capace di mettere a score 16 punti e due recuperi palla in una manciata di minuti e tramortire una formazione pur galvanizzata tra le proprie mura da un parziale incoraggiante.
Essere consci della propria forza senza adagiarsi su essa, disciplinati e concentrati su ogni singolo down, questi NON gli unici ma pur determinanti fattori per prepararsi al grande salto.. e regalarsi sotto l’ albero un viaggio entusiasmante.

Maurizio Elisio – Ufficio Stampa Lazio Marines

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...