Liquidata la Legio, per i Grizzlies è tempo di playoff

Con un perentorio 35-15, in casa della Legio XIII, i Grizzlies archiviano la pratica playoff confermandosi seconda forza del girone, alle spalle dei Lazio Marines, in attesa dei sorteggi di martedì prossimo che assegneranno ai capitolini la testa di serie n°11 o 12 del campionato under 19.

Legio-Grizzlies 1
Una partenza a razzo porta subito in vantaggio gli orsi che finalizzano, con una corsa di 3 yards di Crocco, un primo drive prevalentemente impostato sulle irresistibili corse del runningback romano; la trasformazione fra i pali di De Salazar porta lo score sul 7-0. Sul cambio di fronte buona la partenza dei legionari che conquistano due primi down, grazie alle corse di Guzzon e Loppini, arrivando fino alla linea di metà campo, ma la difesa degli ospiti reagisce costringendo i padroni di casa al punt. Ripartiti dalle proprie 32, grazie ad un buon ritorno di punt di Luzon Ona, gli orsi tornano ancora a graffiare con un lungo drive che, grazie alle corse di Arca ed alle ricezioni di Toraldo e Dina, dopo la prima inversione di campo li porta di nuovo a segno con una corsa di 3 yards del QB Richard, bravo a trasformare un gioco rotto ed un probabile sack in una azione da touchdown che vale, dopo l’extra point, il 14-0. Sul successivo ritorno di kickoff bella cavalcata di Guzzon che arriva sulle proprie 36, ma sul placcaggio perde palla consentendo ai Grizzlies, con De Salazar a ricoprire la palla, di partire per un nuovo drive. Gli orsi ringraziano e, con la concretezza dimostrata fino a questo punto, capitalizzano il turnover favorevole dapprima arrivando sulla linea delle 15 avversarie, con una ricezione di Dina, quindi si affidano ad Arca che, dopo una prima buona portata, va a segno con una corsa di 9 yards; la trasformazione fra i pali porta il parziale sul 21-0 per gli ospiti. Un nuovo turnover a favore dei Grizzlies, con Talarico che intercetta un lancio di Grusovin, riconsegna palla agli ospiti; ma questa volta sono i Grizzlies a restituire il favore ai padroni di casa con il fumble di Sciarra che rende l’ovale, e la fiducia. ai padroni di casa sulla linea delle proprie 39 yards a circa 5 minuti dal riposo. Alcune ottime corse di Cancanelli, Antonini e dello stesso QB Grusovin portano i legionari a sole 13 yards dalla goal line degli ospiti dove Grusovin, sorprendendo gli ospiti, pesca Loppini indisturbato in end zone con un preciso lancio; la trasformazione da 2 punti, su corsa dello stesso Grusovin, permette alla Legio XIII di accorciare le distanze arrivando al riposo sul parziale di 8-21.
Al rientro dagli spogliatoi si assiste ad un paio di drive dominati dalle difese, che costringono i rispettivi attacchi al punt, prima che i Grizzlies mettano a segno una nuova segnatura, questa volta con una corsa di 5 yards di Arca, che porta lo score, dopo l’extra point, sul 28-8 per gli ospiti. Dopo un drive dei legionari, che rischiano, senza successo, un 4&5 sulle proprie 38, si assiste ad un nuovo produttivo possesso degli orsi i quali, subito dopo l’ultima inversione di campo, vanno di nuovo a segno con una corsa di 7 yards di Arca e, con la trasformazione dell’infallibile De Salazar, portano il punteggio sul 35-8. Dopo un nuovo drive dei padroni di casa, vanificato dall’attenta difesa degli ospiti, questi tornano in campo questi ultimi con l’esordiente Di Carlo Natoli in cabina di regia: il giovane classe ’98 svolge bene il suo compito affidandosi alle corse di Sciarra e chiudendo un primo down, con una iniziativa personale, su gioco di lancio rotto dalle buone coperture e dalla pressione della difesa di casa; ma il piacere di condurre i suoi in TD viene rimandato da una esemplare azione del legionario Guzzon che strappa letteralmente l’ovale dalle mani dell’orso Crocco, involandosi poi in touchdown con una corsa di 47 yards che porta il punteggio, dopo la trasformazione fra i pali, sul 15-35. Un onside kick calciato malamente consente ai Grizzlies di partire con il proprio reparto offensivo sulle 26 avversarie, ma un nuovo turnover riconsegna l’iniziativa ai padroni di casa: Dina controlla male un preciso lancio di Di Carlo ed è lesto Cancanelli ad agguantare la palla droppata regalando alla propria offense un ultimo tentativo; ma la difesa degli orsetti ha gioco facile nel coprire il profondo non concedendo nulla ai padroni di casa e lasciando, così, invariato il punteggio sino al triplice fischio.
I Grizzlies vanno dunque ai playoff, della categoria under 19 (ex under 18), per il quinto anno consecutivo, ma il piazzamento non eccelso li costringerà ad affrontare fuori casa il primo turno di wild card, in programma fra due weekend; dal sorteggio di martedì sera, che vede i ragazzi di coach Giannelli contrapposti ai Dolphins Ancona, uscirà il nome della prossima avversaria: in caso favorevole gli orsi dovranno affrontare i Giants nella proibitiva trasferta di Bolzano, in caso contrario saranno i Predatori, a Chiavari, gli avversari che cercheranno di sbarrare ai Grizzlies il cammino nei playoff.

Nella successiva amichevole, fra le rispettive rappresentative under 16, i Grizzlies fanno valere la loro maggiore esperienza surclassando i legionari con un perentorio 52-0; a segno nel primo tempo Fortunio, con una corsa di 10 yards e la successiva trasformazione da 1 di Carbone su pass di Amodio (0-7), Basile su lancio di Amodio per complessive 30 yards (EP no good = 0-13), Di Carlo Natoli su corsa di 47 yards (EP no good = 0-19). Nel secondo tempo a segno Molaioni su corsa di 30 yards, con trasformazione da uno su pass di Amodio per Carbone (0-26), ancora Fortunio su corsa di 45 yards e Basile su corsa per la trasformazione da 2 punti (0-34), quindi lo stesso Basile mette a segno una safety (0-36), Faccini riceve in end zone da Amodio per 3 yards e lo stesso QB imbecca Carbone per la trasformazione da un punto (0-44), è poi di nuovo Faccini a siglare su lancio di 10 yards non trasformato (0-50), ed infine Celli, con la seconda safety dell’incontro, a chiudere le marcature per il definitivo 0-52 . Da segnalare anche due intercetti messi a segno nel primo tempo da Molaioni, ed uno di faccini nella seconda metà di gioco.
Un risultato netto che regala una grande iniezione di fiducia, agli orsetti dei coach Sciortino e Di Francia, in vista degli impegni futuri in programma già dal prossimo weekend; dall’altra parte i padroni di casa pagano eccessivamente, oltre alla minore esperienza, una imperfetta organizzazione di gioco, ma promettono sicuramente molto bene in chiave futura, potendo contare su una buona prestanza fisica che, in questa categoria, potrà fare una grande differenza.
Prossimo appuntamento per gli under 16, quindi, il torneo organizzato dai Lazio Marines domenica 7 dicembre prossimo: al torneo parteciperanno, oltre ai padroni di casa ed ai cugini Grizzlies, i pari età di Condors Grosseto, Steelers Terni, Dolphins Ancona ed Express Napoli.

ufficio stampa grizzlies – foto marco loppi

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...