Warriors e Ravens fanno fronte comune

Pochi giorni prima di Natale è stato sottoscritto un nuovo accordo che vede due delle cinque società di football americano della provincia, coinvolte in un programma comune.

warriors ravens
Warriors Bologna e Ravens Imola hanno condiviso il progetto tecnico proposto dalla WTA, l’Academy degli allenatori di football nata in casa guerriera grazie a Giorgio Longhi, ma oggi allargata a diverse città della regione. La WTA, di cui fanno parte anche Mauro Solmi, Massimo Vicinelli e Vincent Mario Argondizzo, tutti allenatori guerrieri, ha disegnato un percorso formativo che coinvolge i coaches di football.

Una delle priorità di cui necessità un allenatore per svolgere al meglio il proprio lavoro – afferma lo stesso Giorgio Longhi è un certo numeri di atleti sul terreno di gioco. Gli allenamenti nel nostro sport appaiono, a volte, anche un po’ noiosi, ma quando un coaching staff può contare su molti elementi intercambiabili, allora si può dare un ritmo incalzante alla seduta che lo rende estremamente partecipativo e coinvolgente. A questo bisognerebbe aggiungere anche la disponibilità di un campo di allenamento che garantisca la massima continuità dell’impegno anche in condizioni atmosferiche avverse.

Dalla combinazione dei due elementi cari agli allenatori, numero di giocatori e terreni sempre praticabili, è nata la nuova proposta del progetto “AllBlue” guerriero: tanti e tutti ragazzi italiani sul terreno, campi, possibilmente, in sintetico, ritmo dell’allenamento sempre alto, frequenza delle ripetizioni elevata… E tanti altri aspetti che, in Italia, non sono facili da organizzare, ma che nella patria dei padri fondatori di questo sport (USA) rappresenta la condizione principale del successo sportivo.

Quindi se si costruisce un progetto di questa portata – continua Longhi – allora uno staff tecnico avrà talmente tanti elementi da essere in grado di sviluppare addirittura due formazioni (obiettivo difficile ma non impossibile). Se così fosse, da una parte si potrebbero concentrare i più esperti, aggregando in un secondo team i giovani e quelli che ancora non hanno appreso completamente tutti i fondamentali del football. Due squadre differenti ma coinvolte nelle stesse sedute di allenamento e costruite dallo stesso coaching staff. Una per la sere A ed una per il campionato CIF9, espressamente dedicato allo sviluppo dei giovani giocatori. Sarebbe un risultato grandissimo, ma chi può tentare di realizzarlo?

Questa domanda ha stimolato la fantasia e la voglia di fare qualcosa di importante dei leader delle due franchigie di Bologna (Warriors) e di Imola (Ravens): il presidente dei bianco/blu Benassi con il suo vice Barbantini e il presidente dei viola/oro Ciarlariello con il suo vice Gasparri. Da qui è nato l’ennesimo accordo che, ricordiamo, in passato aveva già dato ottimi frutti provenienti dall’unione dei due team: Campioni d’Italia under 21 nel 2012 con il logo dei Ravers Imola. Questa è la strada scelta dalle due società per il 2015. Due squadre unite in tutti gli allenamenti, con gli stessi allenatori e gli stessi metodi innovativi di allenamento. E con il preciso obiettivo che, qualora i numeri degli atleti coinvolti lo consentisse, di costruire due squadre per gareggiare su due differenti livelli di gioco (Bologna e Imola), ma animati dallo stesso spirito sportivo.

Ogni buon risultato nasce da un buon progetto impostato poi, se son rose, fioriranno.

ufficio stampa warriors

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 2014, football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...