Seamen campioni d’Italia Under 19

Seamen Warriors, festival delle difese con… “blackout a sorpresa”

cointossU19Seamen e Warriors hanno iniziato con le difese sugli scudi. Tanti lanci che vanno sprecati e altrettante corse che vanno a schiantarsi (spesso) dietro la linea di scrimmage. E il primo td dei Seamen è proprio frutto di un ottimo lavoro della difesa, che ha messo sotto fortissima pressione il qb bolognese Foresti costretto a sparacchiar nel mucchio proprio nelle mani di Giovanni Gilberti che intercetta e più o meno a metacampo e riporta l’ovale fin sulle 5 yards dei Warriors. Lorenzo Cazzamani in cabina di regia al primo tentativo si esibisce in una qb sneak che da’ il risultato sperato e punteggio sul 6-0. Il vento ci mette lo zampino e la trasformazione non riesce. Le difese, complice il fortissimo vento, la fanno da padroni. Il bolognese Pietro Sabbioni mette a segno un gran sack dal lato cieco su Cazzamani che costa quasi 10 yards all’attacco Seamen quando mancano poco meno di tre minuti e mezzo al termine del primo quarto.
Nel secondo quarto il defensive end dei Warriors Paolo Bracciale mette sotto pressione Cazzamani, lo costringe a lanciare sotto pressione e Roberto Raffini lo intercetta, riportando l’ovale per una ventina di yards, ma il drive non si conclude come quello dei Seamen e i Warriors devono accontentarsi di un calcio d’allontanamento. Un’interferenza ai danni dei Warriors porta i Seamen sulle 35 difensive bolognesi, ma uno splendido td in ricezione di Timotjevic viene annullato per un offside offensivo. Nel possesso successivo, al secondo down, i Warriors vanno al lancio, Foresti in tutta tranquillità non trova il proprio ricevitore e ne approfitta ancora Gilberti, che agguanta al volo l’ovale riportandolo per una ventina di yards. Un chop block dei Seamen dopo l’intercetto arretra i milanesi, sulle proprie 42 yards.

seamenwarriorsU19Dopo poco, black out all’impianto causato probabilmente da un atto vandalico ai danni della centralina dello stadio. Il pronto intervento dei tecnici del Comunie di Pero ha rimesso tutto a posto in tempo record e la partita è ripresa con gli ultimi minuti del secondo quarto “agganciati” al terzo quarto.

Un brutto colpo a Roberto Raffini costringe il giocatore bolognese a star fuori per un po’, e l’attacco guidato da Foresti si affida a Di Muro che chiude down su down e porta i guerrieri fin sulle 15 Seamen, grazie anche a ottimi blocchi della sua linea d’attacco. Ancora un paio di corse e td bolognese, per opera sempre di Di Muro. Trasformazione fallita e punteggio in parità. Prima del cambio campo una splendida corsa di Lorenzo Nuzzi viene fermato da Riccardo Ventura che ferma il milanese a 1 yd dalla endzone. Ci pensa ancora Cazzamani con una qbsneak a riportare in vantaggio i marinai (trasformato da La Marra) che si trovano sul 13-6. Sul finire del terzo quarto si infortuna Di Muro, placcato da tre avversari. Rientra Raffini e conquista il primo down con l’ultima azione del terzo quarto di gioco.

L’ultimo periodo si apre con un drive guerriero che porta a un nulla di fatto e che si prende quasi 5 minuti di tempo a disposizione. Con più o meno 8 minuti sul cronometro, i Seamen gestiscono il tempo giocando solo azioni di corsa. Verso Lorenzo Nuzzi porta i Seamen sulle 19, Pulsinelli segna il td che probabilmente chiude le velleità felsinee. Sul punteggio di 20 a 6 e con meno della metà di un quarto di gioco a disposizione, i Warriors le tentano tutte, ma i lanci di Foresti vanno tutti incompleti. Un punt lunghissimo mette i Seamen sulle proprie 20. Il possesso blue navy termina con un punt. I felsinei non concretizzano il possesso consegnando il pallone nuovamente ai marinai con un minuto e mezzo a disposizione. Una corsa sulla destra fa correre buona parte del tempo disponibile, lasciando spazio solo a una corsa centrale di Lorenzo Nuzzi. Nei restanti 24 secondi i giocatori si scambiano i saluti di rito in attesa che il ref Alberto Toscano alzi il pallone decretando la fine dell’incontro.

Titolo Under 19 quindi che va ai Seamen Milano, bravi a gestir meglio gli spazi concessi dalla difesa dei Warriors nel primo tempo e a concretizzare nel finale. Da parte Warriors tanti lanci incompleti e troppe volte i rb lasciati soli a se stessi. Pazienza. Il titolo di MVP dell’incontro va ad Alessio Carlucci, LB #1 dei Seamen Milano.

Stefano Gavina, Consigliere Federale: “Sono state due belle giornate di sport grazie anche al tempo clemente. Buona l’organizzazione, peccato solo per il blackout. La finale U19 è stata molto combattuta e si è sbloccata solo nel secondo tempo grazie a un cambio di passo dell’offense Seamen. Ottima Difesa milanese e buona la compagine felsinea che ha tenuto bene il campo in ogni reparto.”

 

american football news – foto luca nava

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...