I Seamen sbancano Bolzano

Seamen in bianco - foto dario fumagalliDal bel Danubio blu all’Adige blue navy il passo è breve. La quarta vittoria consecutiva della stagione, colta contro la ex capolista del girone nord, i Giants Bolzano, porta con sè, in dote, valori che vanno ben oltre i semplici punti in classifica. Il secco successo riportato in riva all’Adige, 30 a 14 lo score conclusivo, non coincide soltanto con la prima battuta d’arresto degli atesini, ma arriva al termine di un match che i Seamen hanno condotto da cima a fondo, scavando un solco di 21 punti di vantaggio in un quarto e mezzo di gioco.

L’avvio a spron battuto porta la firma non solo dell’attacco, ma anche della difesa a cui spetta proprio l’onore di aprire le marcature, grazie a un fumble ricoperto in end zone al termine di un drive che si era spento a una yarda dalla linea dei sogni. I successivi touchdown di Stefano di Tunisi e di Gianluca Santagostino, entrambi su splendide ricezioni, producono un effetto dirompente su una partita che tutti si attendevano tirata e che invece, dopo soli 16 minuti di football, recita 21 a 0 per la Milano tricolore, facendo stropicciare gli occhi anche al tifoso più accanito. La meta della speranza di Bolzano e il field goal di Di Tunisi fanno segnare 24 a 7 all’intervallo e sono soltanto la premessa alle mete di Marco Bonacci, sponda sud tirolese e del secondo sigillo di Gianluca Santagostino, siamo nell’ultima frazione, a fissare il punteggio sul definitivo 30 a 14. Nel mezzo ci sono le magie di Jonathan Dally, ora nessuno potrà negare che la sua assenza al debutto non sia pesata in modo fondamentale, i ritorni di punt di Justin Bell che, messo in moto, ammalia con le sue movenze, le portate di Mattia Binda e la solidità della difesa che dona sicurezza a tutto l’impianto di gioco meneghino, tornato sui livelli dello scorso torneo. In particolare la linea difensiva mette costante pressione a Steven Adams facendo sgretolare le sicurezze dell’attacco di casa, improvvisamente a mal partito contro un avversario che sa alzare il volume, in termini di prestazione, ogni qualvolta viene richiesto.

Con il quarto sigillo consecutivo i “Marinai” navigano ora nelle tranquille acque della vetta, condivisa con la compagnia degli stessi Giants, in attesa che i Panthers giochino le loro carte. All’orizzonte, tra soli sei giorni, ci sono i Pioneers Hospitalet per un primo turno europeo che potrà essere affrontato con nuove certezze e i giusti sogni di gloria.

roberto rizza, ufficio stampa seamen – foto dario fumagalli

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...