I Patriots scavalcano i Mad Bulls

patriots

Domenica 12 aprile, si è disputato lo scontro al vertice del girone B del Campionato nazionale di football a 9 tra i Mad Bulls Barletta a punteggio pieno ed i Patriots Bari, padroni di casa, che seguivano ad un’incollatura per via della sconfitta rimediata nella prima partita di andata proprio a Barletta. Le squadre sono apparse nervose, con gli attacchi che hanno commesso parecchi errori e le difese a farla da padroni e la crew arbitrale (troppo) spesso chiamata ad intervenire per sanzionare irregolarità di gioco. per la verità, l’attacco barese era partito bene, ma un paio di azioni non andate a buon fine hanno alzato la tensione alla fine del secondo e del terzo quarto ed è entrato in una spirale involutiva, anche grazie alla tenace resistenza della difesa avversaria. Se magari gli intenditori dal palato fine sono rimasti delusi dal livello di gioco delle due compagini, il pubblico ha assistito ad una partita viva, emozionante e dal risultato aperto fino ad una manciata di seconde dal termine, quando Vitale, intercettando Delcuratolo, poneva fine all’incontro e permetteva ai Patriots di scavalcare in classifica i Mad Bulls.

I Quarto – I Patriots calciano, il ritornatore dei Mad Bulls riceve ed avanza la palla, ma ad un certo punto la perde e Perri è lesto a recuperarla. L’attacco barese entra in campo in posizione invidiabile, ma non concretizza: dopo una corsa di Marella per un guadagno di 4 yard, un lancio di Lovecchio si risolve in un incompleto a causa dell’importante intervento della safety che non permette al ricevitore di perfezionare la ricezione. Poi una corsa di Carlà non è sufficiente a chiudere il down. Fumarola prova il FG, ma anche a causa del forte vento, manca il bersaglio. Barletta dunque non paga dazio per l’errore iniziale e Delcuratolo torna in campo con l’attacco. Dopo un suo lancio, il ricevitore rompe un paio di placcaggi, raggiungendo la metà campo. Nell’azione successiva, Delcuratolo viene intercettato da Di Gennaro che va a segnare, portando i Patriots in vantaggio per 7-0.
I Mad Bulls allestiscono un buon drive, contrastato da Di Gennaro, in evidenza in questo inizio. Il ragazzo, frutto del vivaio dei Salento Dragons (I Patriots quest’anno hanno il nomignolo non ufficiale di Puglia Team annoverando tra le proprie fila giocatori anche dei Salento Dragons e degli Spartans Taranto) effettua un paio di placcaggi dietro la linea di scrimmage (tra cui un sack) che costringono I Mad Bulls agli straordinari per tenere vivo il drive che comunque arriva alle 40 avversarie. Qui gli ospiti vengono costretti al punt. Il long snap alto sembra preludere ad un disastro per gli ospiti, ma il punter ha la prontezza di spirito di recuperare la palla e con abilità elude i placcaggi dei Patriots, a quel punto inizia ad avanzare e recuperare le decine di yard perse fino a quel momento. Bottalico lo ferma provvidenzialmente prima che riesca a chiudere il down, togliendo le castagne dal fuoco per i suoi, dato che senza il suo placcaggio, il punter era destinato a festeggiare in endzone il più sorprendente dei touchdown.
Dopo lo spavento, Lovecchio entra in campo con l’attacco. Una corsa di Marella ed uno scramble del quarterback valgono la chiusura del down. Poi un’ottima corsa di carlà porta i patriots sulle 30 barlettane, dove però il drive si arresta. Dato il persistere del forte vento, i padroni di casa optano per il punt, che viene piazzato nelle 10 yard avversarie. II Quarto – Dopo una penalità per falsa partenza, Bitetto recupera un fumble dell’attacco dei Mad Bulls. E’ Torcivia ad andare a segno per i baresi. Il calcio di Fumarola vale il 14-0. Il successivo drive barlettano si risolve in un 3 and out, ma quello dei Patriots è anche peggiore: dopo il ritorno di Bottalico sulle 40, una penalità ed un collasso della linea d’attacco portano i baresi a giocare un secondo e 37 a 3 yard dalla linea di meta. Marella guadagna qualche yard, poi un lancio di Lovecchio non viene ricevuto. Si va al punt con l’attacco che cede al nervosismo. I Mad Bulls partono dalle 35 della metà campo barese. Bottalico con un placcaggio e Fiusco con un sack contribuiscono a fermare il drive ospite, ma l’attacco barese pasticcia appena entrato in campo e regala palla ai Mad Bulls che recupera un fumble con Pellegrini. Dopo il 2′ warning ottima azione di Delcuratolo che evita il sack, passando al RB, il quale a sua volta elude il placcaggio di Bottalico, per venire accompagnato oltre la linea laterale da Fiusco, dopo un buon guadagno. Quando la difesa sembrava aver chiuso il drive degli ospiti, un fallo personale riapre i giochi e Saverio Morella va a segno su corsa. Barletta poi trasforma alla mano con Delcuratolo che trova Cristian Morella in end zone, per il 14-8 con cui si chiude il tempo, infatti, con poco più di una decina di secondi da giocare, i Patriots optano per l’inginocchiamento.

III Quarto – L’attacco dei Patriots sembra essersi messo alle spalle il brutto momento, ed apre la frazione di gioco con un convincente drive, che grazie alle corse di Marella e Carlà alle porte della red zone ospite. Poi, Pappalardo si infortuna, e nell’azione successiva Ceo viene flaggato per due volte (un fallo durante il gioco, uno a palla ferma) per una penalità di 30 yard che affossa l’inerzia del drive. Lovecchio si trova sulle proprie 35, la chiusura sulle 18 barlettane. Si va al punt con i Mad Bulls che si riaffacciano con l’attacco in campo sulle proprie 25, ma si tratterà di un 3 and out. Bottalico pasticcia nel ricevere il punt, ma comunque recupera ed avanza palla sulle 40. Una buona corsa di Lovecchio vale la chiusura del down, poi Marella con una corsa superba, porta l’attacco sulle 8 yard. Qui però l’attacco si inceppa, Lovecchio perde palla, che viene recuperata dall’attacco, ma con un’importante perdita di terreno che ne pregiudica l’esito. Il lancio sul terzo e goal dalle 30 yard finisce miseramente sul sintetico, poi si va al punt.  IV Quarto – La difesa barese contiene bene l’attacco barlettano, costringendolo nuovamente al 3 and out. I Patriots partono dalla metà campo. Dopo una corsa sterile, Ceglie riceve il passaggio da 8 yard di Lovecchio, poi Marella viene fermato a meno di una yard dalla chiusura del down. I padroni di casa decidono di giocare il quarto down, ma Torcivia viene fermato dalla difesa dei Mad Bulls, che rientrano in campo con l’attacco sulle proprie 40. Delcuratolo lancia profondo e Bottalico riesce a fermare il ricevitore a 5 yard dalla meta, procurandosi però uno stiramento muscolare che lo terrà fuori per il resto della partita. Perri e Tarantini con due efficaci placcaggi costringono i Mad Bulls al quarto down. Gli ospiti se lo giocano, ma la corsa di Delcuratolo viene fermata dalla difesa.

Marella porta palla sulle 35 yard, poi il drive si arresta ed i Patriots sono costretti al punt. Palla a Barletta con 1’35” nella loro metà campo. Dopo un incompleto, Delcuratolo lancia lungo e porta l’attacco sulle 30 baresi. Qui però si infrangono le speranze dei mad Bulls di mantenere l’imbattibilità, poiché Vitale intercetta Delcuratolo, ponendo fine alla partita.
Era lecito aspettarsi un football di qualità superiore da due squadre in lotta per il primato del girone, ed infatti gli allenatori hanno tenuto lunghi discorsi ai giocatori dopo il termine dell’incontro. La classifica vede il sorpasso dei Patriots ai danni dei Mad Bulls (per via della differenza punti negli scontri diretti) con entrambe le squadre col record di 3-1, seguite da Bucks Brindisi e Goblins Lanciano col record di 1-3.

Per Carlo Cacucci, Offensive Coordinator: “La partita di oggi l’ha vinta la difesa a cui vanno i complimenti di tutti. In attacco abbiamo sbagliato a turno tutto quello che si poteva sbagliare, facendoci anche prendere dal nervosismo. Unico aspetto positivo aver ripreso la prima posizione nel girone.” Per Gabriele De Gennaro, Defensive Coordinator: “Partita molto fisica nei primi 2 quarti con difese sugli scudi e brave a capitalizzare gli errori degli attacchi avversari. Perdita di lucidità verso la fine del 2″ quarto a causa del caldo e della stanchezza. Secondo tempo conservativo per il Puglia Team che per ogni yard guadagnata ne subiva 5 con falli personali e di gioco che buttavano giù il morale di chi era sempre pronto a cambiare il risultato sul tabellone di gioco. Ottima gestione della partita da parte dei ref che hanno saputo far mantenere la calma in quello che era considerato il Big Game della settimana. Tanto da lavorare e molto da sistemare per riuscire a portare avanti il nome della Puglia nel palcoscenico nazionale del football di III divisione. Migliori in campo per la difesa: tutti con elogi particolari a Marco Di Gennaro, Bottalico, e Vitale per l’ottimo intercetto che ha chiuso la partita Migliori in campo per l’attacco: Marella e De Marco. Per Michele Fumarola, Defensive Coordinator: “Sono sempre più convinto che se non hai umiltà non puoi credere in un progetto ambizioso. Squadra con un grande potenziale visto a sprazzi che soffre fino alla fine. Merito ai Mad Bulls e ai loro coach e merito anche a noi che tutto avevamo tranne che fame di vittoria. Ora altre due partite per capire dove vogliamo arrivare. Il nostro compito sarà arduo. Non molliamo e lavoriamo ancora di più.”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...