Seconda Divisione: qualche “stella” di troppo…

usa in seconda divisioneGira da qualche giorno la voce secondo la quale alcune squadre partecipanti al campionato di seconda divisione abbiano schierato a roster dei giocatori americani, seppur probabilmente residenti in Italia.

Il regolamento parla chiaro, in seconda divisione possono giocare solo atleti di “scuola italiana”, concetto chiarito dall’enunciato secondo il quale Possono esser tesserati solo gli italiani ius sanguinis anche se “cresciuti” in USA, purché tesserati da un team italiano entro il compimento del loro 18esimo anno d’età. Ciò vale anche per atleti cresciuti in Canada, Giappone e Messico.

Girano nomi, squadre e atleti, ma per ora nulla di ufficiale. Si sa solo che il Procuratore Federale sembra abbia iniziato le sue indagini. Tra poco se ne saprà qualcosa di più.

american football news
[riproduzione riservata]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Seconda Divisione: qualche “stella” di troppo…

  1. Lazarus ha detto:

    ….quindi un atleta non italiano, che potrà essere a questo punto extraeuropeo o europeo, che non ha mai giocato a football, se non viene tesserato da una società Italiana prima dei 18 anni non può giocare a football in Italia in seconda divisione?!….ma siete sicuri?!…violando almeno un paio di direttive europee sul diritto allo sport?!…

  2. redazione ha detto:

    Lazarus, ti riferisci a questa frase, immagino: “Possono esser tesserati solo gli italiani ius sanguinis anche se “cresciuti” in USA, purché tesserati da un team italiano entro il compimento del loro 18esimo anno d’età. Ciò vale anche per atleti cresciuti in Canada, Giappone e Messico.”
    Io la interpreto in questo modo:
    Atleta italiano da genitori italiani inizia a giocare in USA, o frequenta College USA: può giocare come “italiano” anche se è di scuola USA (Usa, o Canada, Messico o Giappone);
    Atleta straniero che inizia a giocare in USA, Canada, Messimo o Giappone, viene considerato di scuola americana;
    Atleta straniero che inizia a giocare in Italia, nessun problema non essendo di scuola USA (o Canada, Giappone o Messico).
    Poi magari mi sbaglio…

  3. Gianluca ha detto:

    MA regola che secondo me, così come organizzata, non fa crescere il football in Italia, ci sono un sacco di stranieri anche americani che hanno giocato a football alle primary, equivalente della scuola elementare, o casi ancora più particolari che hanno giocato alle scuole superiori magari una sola partita e si trovano entrambi negata la possibilità di giocare nelle nostre squadre ed in questa Federazione; ciò concede par conditio ai più ma nega libertà ad altri; credo che questa disposizione debba essere meglio identificata nei termini di chi può e chi non può definendo ad esempio che cosa si intende per provenienza di scuola di football e magari allargando, per maggiore serenità d’animo, i confini delle esperienza di provenienza. Vedi primary o scuole superiori. Molti degli statunitensi in Italia lo fanno per gioco e per giocare senza alcuno spirito pseudo professionistico .Un altro fattore particolarmente spiacevole è la capacità di indagine per verificare la provenienza o meno dei singoli giocatori che alle volte è simile ad una indagine da c.s.i.; pagine face book, pseudonimi, doppi nomi, a noi sono capitati anche casi di omonimia, chiarita solo attraverso le foto di un articolo per caso reperito…….ma veramente troppo !!!!!!!! Non possiamo chiuderci negando una globalizzazione che coinvolge anche noi come sportivi…..non possiamo negare ad un ragazzo americano che ha giocato a football fino a 15 anni di non potere giocare qui in Italia se non in I° divisione. Scusate lo sfogo……ma non vedo imprenditorialità nelle scelte di volere chiuderci a giocatori di detta provenienza. Come se in America un giocatore di calcio che avesse giocato nel S.Gregorio Barbarigo di Padova, non potesse giocare a calcio in una loro lega minore di calcio.Di li non funziona così

  4. Luciano Conte ha detto:

    ma come mai tutti quelli favorevoli sono vicino alle basi nato americane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...