La “settima” dei Marines

marines vs grizzlies

In una domenica di Maggio dal sapore estivo, sul bel manto sintetico dell’ Happy fitness Village, alla presenza di un folto e corretto pubblico e di personalità storiche per il nostro sport e per lo sport Italiano in genere, I Lazio Marines hanno suonato la loro 7a Sinfonia, battendo nettamente i padroni di casa dei Grizzlies e portando il loro record stagionale sul 7-0 . La squadra bianco azzurra del Presidente Fabio Pacelli ha sfoderato in occasione del Derby, al cospetto di un avversario dimostratosi estremamente solido e motivato, una delle più complete e convincenti prestazioni della stagione legittimando il predominio nella League S e nel panorama IFL Nazionale.

Ad esclusione degli incontri con i Briganti Napoli, in tutti gli incontri dei pur invitti Lazio Marines si era sinora assistito a una discreta alternanza nel punteggio nei primi quarti di gioco con la compagine Laziale poi sempre capace di tramortire l’avversario nel 3 e soprattutto nel 4° quarto. Domenica i Marines di Coach Bedwell hanno invece condotto l’incontro dall’ inizio alla fine senza mai concedere all’avversario la concreta possibilità di un sorpasso.
La partita analizzata alla vigilia mostrava una chiara superiorità statistica Marines sia in attacco sia in difesa con la formazione dei padroni di casa dei Grizzlies dotati di un Offense non propriamente brillante ma cmq consistente e una difesa estremamente solida sulle corse, molto meno efficace sui passaggi capace pero’ di molti intercetti e di porre grande pressione sul Qb avversario. Le possibilità per ottenere quella che sarebbe stata per i Grizzlies la prima vittoria in un derby (in ogni categoria) da ben 9 incontri disputati a questa parte erano legate allo sviluppo di una partita a basso score e ad alcuni specifici fattori difensivi: La capacità di fermare quella che da molti osservatori esterni è ancora considerata” l’opzione debole” dei Marines, ovvero le corse. La capacità di costringere i Marines a lanciare mettendo in campo così le loro armi migliori: la pressione sulla tasca e la abilità nell’intercetto. Ma parafrasando Sergio Leone “quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile… l’uomo con la pistola è un uomo morto”, e domenica i Lazio Marines avevano il fucile carico.

I Lazio Marines hanno vinto 38-16 l’incontro giocandone di fatto 3 quarti e lasciando l’ultimo a molte linee verdi. 357 y percorse e 188 concesse in un incontro giocato con autorità e risolutezza. Confermata la bontà del loro gioco aereo conquistando quasi 250y con un C. Dodd potente e chirurgico; non sono stati subiti ne intercetti ne sack anche grazie a una prestazione di livello della linea d’attacco che ha vinto il duello con l’ottima pass rush dei DT bianco arancio.
A sorpresa sin dai primi drive i Marines hanno inoltre sfidato sulla terra la seconda difesa della lega nella specialità con ottimi risultati: 109 y guadagnate sul terreno con medie di portata di tutto riguardo(7,3y per play). A fronte di questa ottima prestazione offensiva la “solita” grande D bianco azzurra, ha limitato l’arma prevalente(le corse) dei padroni di casa a 75y con 2,2 y per play. 113 le y su concesse su passaggio e un solo td pass subito.
I Grizzlies hanno condotto con prudenza e caparbietà i loro primi drive offensivi, qualche incompleto,molte bootleg di un Davide Mingoli decisamente sugli scudi e il merito di mettere a frutto nei primi 4 possessi 1 td, un FG e un Miss Fg.
I Marines hanno risposto con un primo tempo chirurgico, 7 minuti di possesso sui 24 disponibili e 2 td nei primi 3 drive. Alcune caratteristiche peculiari mantenute: un 4° tentativo giocato( e completato) sulle proprie 20 difensive(!) e 2 TD trasformati da 2 (come da recente tradizione) per un 16-10 che chiudeva il primo tempo. Nel secondo tempo i Marines come sempre chiudono gli incontri; così è stato anche domenica.
Un inizio terzo quarto devastante caratterizzato da 2 td in serie, eseguiti da una bubble riportata per 50y da Capra e da un td pass di 30y su Migliozzi, ha posto di fatto fine all’ incontro portando i Marines sul 32-10.

La tattica offensiva pur efficace dei Grizzlies basata in maniera preminente sulle iniziative programmate o estemporanee su giochi rotti dell’ indomabile Q.B Mingoli veniva progressivamente letta e vanificata dalla difesa Marines che con Schirmo, Vallini e Miller andavano al SACK costringendo l’attacco Bianco arancio a ripetuti PUNT al termine di drive molto costosi in termini di tempo sul cronometro. Caparbiamente a inizio 4° quarto i Grizzlies accorciavano il risultato al termine di un ennesimo interminabile drive portandosi sul 32-16.
La corsa per 85y del ottimo RB Laziale Latini, involatosi per 85y sulla sideline fino a violare la end zone avversaria, sigillava l’incontro nel risultato finale di 38-16.
7-0 il record dei Lazio Marines che, vinto questo ennesimo Derby, si preparano all’ incontro non privo di insidie con la versione 2.0 della Aquile Ferrara, capaci di battere i Warriors a Bologna e sconfitti solo sul fil di lana dallo squadrone Anconetano.

Molti i segnali di crescita nel gioco e nella tenuta mentale della squadra di Coach Bedwell così come la messa a punto delle varie opzioni tattiche da porre “in condotta” per colpire il weak side degli avversari.
Ottima prova sul percorso che porta ai Play off per una squadra dalle potenzialità enormi.
Crescendo partita dopo partita nella confidenza e nella conoscenza degli schemi del vulcanico OC Americano, i Marines lotteranno per suonare l’ultimo atto della loro sinfonia a Luglio, nella scala milanese del Football Americano

ufficio stampa marines – foto maurizio elisio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...