Lazio Marines rullo compressore

marirnes-aquile 2015

Una prova maestosa quella dei Marines oggi. Non ci sono altri modi per descriverla. 58-20 lo score finale in un incontro deciso già dopo pochi minuti dall’ inizio fulgente della squadra di Coach Bedwell e calmierato poi da una mercy rule sempre mortificante per la formazione che la subisce con una seconda frazione utilizzata per far scendere in campo molti backup e linee verdi della formazione Laziale.

Le Aquile Ferrara pur provenienti da un ottimo momento e protagoniste di un tiratissimo match di andata sono state annichilite in un solo quarto conclusosi sul 30-0 da una formazione scesa in campo in una forma strepitosa.
I Lazio Marines hanno sfoggiato un gioco a tratti davvero travolgente, fatto di pass sul corto, bootleg di un C. Dodd scatenato, bubble e screen su una batteria di runningback dalle mani buone, taglienti dive su corsa appena la difesa si apriva; 4 possessi esitati in 4 td da vedere e rivedere quelli della squadra Laziale nel primo quarto, frutto di un gioco offensivo confezionato da uno O. Staff estremamente vincente, eseguito alla perfezione da una squadra che ha imparato i loro dettami, che ha implementato alla capacità iniziali di devastare sul profondo le difese avversarie, anche un ottimo gioco di corse e passaggi sul corto sia in out che su tracce in. Latini in corsa centrale, Pozzebon su ricezione, Biancalana su bomba da 60y e ancora Latini su traccia slant hanno varcato l’ area di una difesa estense che pure aveva lasciato a 0 i warriors due settimane fa e limitato i Dolphins Ancona ad uno score under 30 in 4 quarti di gioco.

La linea di attacco che nella fase di andata aveva mostrato allarmanti limiti appare oggi evidentemente cresciuta tanto da aver vinto nelle ultime due giornate nettamente il duello con difese forti nella pass rush come quelle dei Grizzlies e delle Aquile. Lasciare a Dodd il tempo per selezionare il ricevitore è una sentenza, una condanna cui sinora nessuna squadra ha potuto sottrarsi; questo ha reso i Marines capaci di un attacco senza eguali per numeri nella Ifl.
Poco ha potuto la pur ben allenata difesa estense contro un gioco che variava di continuo alternando il profondo e il corto, la terra e l’aria, il centro e la sideline, scegliendo nelle chiamate un numero impressionante di interpreti così da risultare del tutto imprevedibile.
La difesa Marines dominante e fisica come si è dimostrata sinora ha chiuso ogni varco alle corse di Perkins & Co. costringendo il Qb Scaglia a un gioco di passaggi poco fluido in termini di efficacia e reso difficile dalle penetrazioni che spesso Corey Miller, Moroni e un ispiratissimo Orazi operavano. Nel secondo quarto la scelta Laziale di cambiare la linea offensiva titolare con quella di backup risultava nel primo drive non a punti dei Marines grazie alla efficace pressione su una tasca meno rodata delle comunque indomite Aquile. Al fischio di fine primo tempo il risultato era 38-8 frutto di un caparbio td dei Feraresi seguito da un immediato drive finalizzato in td pass su Andrioli della squadra di casa.

Il secondo tempo, molto più breve del primo in virtù della Mercy rule, si è aperto con un drive di possesso e marcatura della squadra ospite che dimostrava così di non voler mollare. Due td pass di potenza e tocco su Biancalana e Andrioli mettevano il sigillo sul terzo quarto e il punto esclamativo lo forniva lo special team che recuperava palla su return Aquile e permetteva l’ennesino td su pass per una traccia slant di Pozzebon.
Il quarto quarto ha visto la segnatura delle Aquile per il 58-20 finale e un bel drive condotto dal Qb Laziale Under 19 Biancolella fresco titolare della Nazionale di categoria sul cui sviluppo si è giunti al fischio finale.

8-0 lo score della formazione Laziale che sempre di più prende coscienza della propria forza e delle grandi potenzialità che ancora può esprimere. La settimana prossima i Marines saranno attesi da quello che di fatto si può considerare il Championship della Conference Sud. Nessun calcolo su punti di scarto per mantenere la leadership contro una avversaria pur temibilissima e determinata. Nessuna speculazione, si va per vincere o fare di tutto per farlo, per dimostrare e dimostrarsi di essere i più forti in un anticipo di quello che sarà il livello del primo incontro di Play off oramai vicino.
Ci sono giorni in cui senti alzarsi forte il vento, gonfia le vele dei muscoli e disegna la rotta dei sogni; Ci sono giorni in cui guardando il campo e la catena senti che c’e’ un destino vasto se solo ci credi davvero Oggi avete il dovere di farlo perché Maestosi come oggi,non lo siete stati mai.

Maurizio Elisio, ufficio stampa Marines Lazio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...