Rebels Lugano: un Ottavio in panchina…

ottavio panchina rebels a coira

Dal neroargento al bianconero il passo è breve, seppur siano passati una trentina d’anni.
Ottavio Carnelli, già atleta dei Frogs e dei Vikings, campione d’Italia e d’Europa, Nazionale Italiano da giocatore e allenatore sulle panchine di mezza Lombardia, ora è l’head coach del neonato team ticinese risponde a qualche domanda sui Rebels.

Carnelli e i Rebels, com’è andata? Con i Rebels ci siamo incontrati la scorsa estate. Io lavoro in Svizzera ho uno studio medico dentista nelle vicinanze di Lugano, loro cercavano un coach io avevo voglia d allenare ma non Italia; siamo usciti a cena mi sono presentato, ci siamo raccontati cosa cercavamo e cosa volevamo dal football americano.
Dopo un po di tempo ci siamo rivisti e m hanno chiesto cosa avrei potuto fare per far crescere il team: avevo delle idee, le ho esposte e ci siamo trovati. Da lì in poi è stato tutto molto semplice e facile, ho cercato degli assistenti e un offense coordinator di cui potevo fidarmi e del quale ho piena fiducia, alcuni assistenti c’erano già, perciò è stato tutto molto semplice e naturale. Questi ragazzi, con il loro entusiasmo, m’hanno fatto tornare alla mente i frogs degli anni ’80.

Quali sono gli obiettivi a breve, medio e lungo termine? I nostri obiettivi sono a medio termine? iniziare a giocare era la prima cosa, per un team che fino a dicembre, in pratica non esisteva, è stato un bel traguardo, poi consolidarci con dei risultati che saranno il banco di prova per conoscerci e stabilire come e dove crescere. Per ora sono contento di come stiamo andando, c’è entusiasmo e questo può far solo bene. I ragazzi mi seguono, apprendono non solo la tecnica ma sopratutto lo spirito e la filosofia che c’è nel gioco.
Vincere domenica è stato un bel mattone per costruire la casa, ma per arrivare al tetto c’è tanto da fare, sia i termini di gioco che di team.
Sono molto orgoglioso dei ragazzi e dei miei assistenti, era tanto che non sentivo la gioia di stare in un gruppo e di cercare tutti insieme un obiettivo.
Son sincero questo tipo di football mi mancava, nel prossimo futuro cercheremo di farci conoscere in Svizzera e non, e cercheremo di consolidare ciò che di buono abbiamo fatto, per ora non ci siamo posti dei limiti di tempo ma questo non vuol dire che più avanti non si pongano tempi e nuovi modi per crescere.

Varie ed eventuali? Viviamo un momento d’estasi, per ora cerchiamo di godercelo pensando già seriamente al prossimo incontro game che sarà sicuramente ostico e che ci vedrà in casa in un esordio che sarà ricco d emozioni.

Ringraziamenti e ultime parole di rito? Ringrazio anticipatamente tutti i miei giocatori e tutti i dirigenti per avermi averci dato a me come head e ai miei coordinatori l’opportunità di questa fantastica esperienza.
American Football News – foto: Misko Cupic

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in football, News, safv e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...